Prevenzione dalla testa ai piedi per un 2017 a tutta salute

Diva e Donna

Proprio come l’auto, che portiamo a fare il tagliando annuale, anche la macchina-corpo necessita di controlli. Ma quali sono gli esami a cui sottoporsi per fare una buona prevenzione? Lo abbiamo chiesto a due esperti. Ecco i più importanti consigliati da Maria Letizia D’Errigo, specialista in dermatologia e venereologia, idrologia medica, presidente dell’associazione L’artedicrearesalute…

Cuore da campione
L’apparato cardiocircolatorio è il motore del nostro corpo, la benzina è la corretta alimentazione. Pertanto affinché questa straordinaria macchina possa percorrere il maggior numero di chilometri con la migliore efficienza, anche in questo caso un tagliando annuale diventa d’obbligo. Dunque bisogna controllare la pressione a partire dai 50 anni almeno ogni tre mesi e chi svolge attività fisica, anche se più giovane, dovrebbe effettuare un ECG  e un ECG da sforzo 1 volta l’anno.

I soggetti ipertesi dovrebbero almeno 1 volta ogni 2 anni effettuare un ecocolordoppler delle arterie carotidi e vertebrali, per escludere placche ateromatose.

Un esame del sangue completo 1 volta all’anno, mentre colesterolo, trigliceridi e glicemia vanno controllati ogni 3-6 mesi in chi è in sovrappeso o soffre di patologie cardiocircolatorie o di diabete.

 

Denti sani per un sorriso smagliante

Bambini e adolescenti dovrebbero effettuare una visita specialistica, per poter correggere per tempo problemi di occlusione o di masticazione e per apprendere le tecniche di pulizia di denti e cavo orale. Gli adulti dovrebbero effettuare una visita e una pulizia profonda di tartaro e placca almeno 1 volta all’anno per prevenire patologie come la piorrea.

 

Pelle e melanoma

La pelle è l’organo più esteso del corpo umano, lo contiene e lo ricopre quasi totalmente, come un imballaggio si comporta da barriera protettiva e difensiva del corpo stesso. Perciò conoscere i detergenti e le creme più appropriate alle esigenze di ciascuno, può prevenire malattie dermatologiche come eczemi e dermatiti che possono verificarsi a qualsiasi età e in particolar modo nei bambini e negli anziani. Rughe, macchie e colorito spento a partire dai 30 anni possono essere causati da esposizioni al sole, fumo, cattiva alimentazione. L’acne, invece negli adolescenti va curata precocemente per evitare macchie ed esiti cicatriziali.

Una visita dermatologica 1 volta l’anno, dovrebbe essere l’appuntamento consigliato a tutte le età, compresa la mappatura dei nei. Il melanoma infatti è tra i tumori più aggressivi, l’incidenza sta aumentando anche tra i più giovani, ma la diagnosi precoce permette la guarigione completa.

 

Occhi da lince

A volte un basso rendimento scolastico nei bambini e adolescenti può celare semplicemente  un abbassamento della vista, perciò una visita oculistica può risolvere entrambi i problemi. A partire dai 40 anni diventa necessario un controllo annuale anche per chi non ha mai avuto problematiche, dopo questa età inizia un invecchiamento oculare. L’uso continuativo di computer e telefonini  possono essere responsabili di uno stress da affaticamento visivo, se pause ricorrenti per far riposare gli occhi non sono sufficienti, si  rende necessaria una visita dallo specialista per valutare la necessità dell’utilizzo di lenti correttive e per escludere, nei più anziani, patologie  come cataratta, glaucoma o maculopatia senile.

 

Naso, gola, polmoni: la forza del respiro

Negli ultimi anni è aumentata l’incidenza di patologie respiratorie tra anziani e bambini. Spesso nei bambini le forme allergiche sono dovute all’inquinamento ambientale sia in città (smog), che in alcune zone di campagna ( erbicidi, diserbanti).Livelli anche relativamente bassi di inquinamento sono spesso causa di asma, allergie ma anche a lungo andare di tumori.

Ci sono sostanze che possono aumentare il rischio di tumore a concentrazioni molto più basse di quelle un tempo considerate “sicure”, perché possono agire in maniera sinergica o additiva.

Pertanto a chi soffre di queste patologie, almeno 1 volta l’anno, è consigliabile effettuare una visita dallo pneumologo che prescriverà i relativi esami allergologici ed effettuerà una spirometria. Chi fuma rischia di contrarre con maggiore probabilità questo tipo di patologie.

Stomaco e intestino,”il secondo cervello”

Lo stress della vita quotidiana e l’errata alimentazione hanno ultimamente aumentato l’incidenza di patologie intestinali come gastriti, intestino irritabile e malattie infiammatorie croniche per le quali è consigliabile effettuare una visita gastroenterologica, completa di esami del sangue, almeno 1 volta all’anno.

Ai bambini o agli adolescenti che soffrono di disturbi dell’accrescimento o di disturbi intestinali, una visita specialistica  e la ricerca nel sangue degli anticorpi antitransglutaminasi sono necessari per escludere la celiachia, che nell’adulto si presenta spesso con anemia.

Dopo i 50 anni la ricerca del sangue occulto nelle feci 1 volta l’anno, permette di prevenire i tumori dell’intestino, mentre un esame endoscopico completo del colon è consigliabile a chi ha familiarità per i tumori del colon-retto.

 

A cura di Luisa Taliento

Previous Post Next Post

You Might Also Like